Briosco – Inverigo – Agliate – Vergo – Zoccorino – Capriano – In MTB

 Km Dislivello  Tempo Percorrenza  Tempo di Sosta  Area  
 31,23 509 m 2:30:50  0:23:41  8,8 km2 

Freddo e cielo che ci dice che da un momento all’altro può nevicare.. ma che non ci ferma nemmeno quest’oggi. Un percorso completamente nuovo che passa per le belle stradine e gli sterrati della Brianza, quella vicina a Briosco, dove è ancora facile trovare quelle belle sterrate e quei bei single trail dove ci si diverte davvero senza strafare e dove seguendo la traccia del Pier siamo dovuti passare all’interno del cortile di una vecchia cascina trovando all’uscita un vecchio portone in legno. Un’altra mattina di sport su un percorso che, alla fine, si è dimostrato molto scorrevole e dove la buonissima compagnia di Marco, StefanoLucaAndreaMassimoLillo e Gigi ha avuto la meglio su tutto.

Elia

Si parte dal parcheggio e tenendo la destra andiamo in direzione del “Bosco della Gagiada” per passare nel mezzo del bosco e scendere verso la “Valle del Rio Bevera” da dove proseguiamo verso la frazione Fornaci ed arrivati al bivio giriamo a sinistra per procedere su via Fornacetta e passare il ponte sul fiume Lambro. Al bivio successivo teniamo la destra e iniziamo la salita verso Villa Romanò proseguendo poi sempre diritto verso il passaggio a livello di Inverigo. Tenendo la sinistra costeggiamo i binari della linea ferroviaria e quando arriviamo in prossimità della SP41 procediamo a sinistra verso la piccola frazione di Guiano.

Seguiamo via Santa Liberata e ci portiamo a sinistra sul piccolo single trail che attraversa il campo e raggiunge via dei Prati per girare a destra su via Don Sirtori proseguendo poi a sinistra su via Resegone che termina al bivio con via Lambro dove giriamo a sinistra e raggiungiamo il termine della stradina. Passiamo la sbarra e proseguiamo sui tratturi che attraversano in campi e che ci portano alla sbarra successiva in prossimità della SP102. La attraversiamo e proseguiamo in salita su via Tofane che percorriamo fino al bivio con via Stelvio.

Girando a sinistra imbocchiamo via Stelvio e al termine giriamo a destra su via C. Colombo per girare a sinistra sulla prima traversa e seguire il single trail che attraversa i campi e termina quando ritrova l’asfalto di via Pasubio. Giriamo a sinistra ed imbocchiamo la sterrata deviando dopo 400 m a destra seguendo il sentiero che risale verso “Cascina Costaiola“. La passiamo, lasciandola alla nostra destra, e proseguiamo adesso a sinistra sull’altra sterrata che prosegue in rettilineo in direzione di “Cascina Capra“.

Tenendo la destra proseguiamo verso il ponte che attraversa la SS36 e arriviamo a “Cascina Rebecca” dove tenendo ancora la destra andiamo ad imboccare la sterrata che seguendo in senso contrario la statale ci fa raggiungere “Cascina Nuova” e la periferia di Verano Brianza. Oltrepassata la sbarra proseguiamo su via Cascina Nuova, leggermente in salita, percorrendo il rettilineo fino al km 14,4 dove giriamo a sinistra imboccando via Isonzo. Proseguendo sulla stradina, dopo la curva a esse proseguiamo sempre diritto e percorriamo a destra via Piave che in leggera discesa ci porta imboccando a sinistra via Martiri della Libertà nei pressi del Camposanto.

Teniamo la sinistra e in discesa percorriamo via degli Alpini che ci porta sulla Green Way del Lambro dove teniamo la sinistra e seguendo via dei Mulini costeggiamo le sponde del fiume Lambro. Quando l’asfalto termina teniamo la sinistra e ci immettiamo nella sterrata che nel primo tratto è in leggera discesa poi inizia una breve ed impegnativo tratto in salita che con alcuni tornanti su fondo abbastanza sassoso ci riporta nei pressi di “Cascina Rebecca“. Quando raggiungiamo il bivio, in prossimità della cascina giriamo a destra e percorriamo il single trail che attraversa il campo e successivamente la sterrata che ci porta, in discesa, all’incrocio con la SP102.

Giriamo a destra e percorriamo i 700 m di statale seguendo la salita che sale verso Briosco e dopo aver percorso le due curve arriviamo all’incrocio dove giriamo a destra imboccando via Cavour che prosegue fino a piazza della Chiesa proseguendo su via Trieste e successivamente su via Roma fino all’incrocio con la SP155. Destra e  subito a sinistra seguendo via Meyer  arriviamo fino alla rotonda dove giriamo a destra su via Tonale e successivamente a sinistra su via Pordoi. Dopo 400 m l’asfalto termina e ci dobbiamo impegnare nella salita sterrata che prosegue fino al borgo di Simonte.

Raggiunte le case ci teniamo a destra e proseguiamo nel bellissimo tratto acciottolato per poi tenerci a sinistra e proseguire nel single trail che costeggia il bellissimo giardino della “Fondazione Rossini” e raggiunge la parte retrostante del giardino “Villa Beldosso” dove teniamo la sinistra e in discesa percorriamo il bellissimo single trail nel mezzo del bosco che termina nei pressi dell’entrata secondaria della villa.  Ci teniamo a sinistra, dopo aver superato i pali con la catena, ed arriviamo all’incrocio.

Attraversiamo via Pasubio e proseguiamo in salita su via P. Mascagni e seguendo la bella stradina arriviamo alla periferia di Vergo. Giunti all’incrocio con via Sant’Ambrogio giriamo a destra e poi subito a sinistra seguiamo via S. Pellico ed arriviamo al bivio con via V. Alfieri dove giriamo a sinistra e passiamo proprio davanti al Camposanto. Ci teniamo a sinistra, entrando nel parcheggio, e percorriamo adesso, in salita, il tratto ciclo pedonale che ci riporta verso le case del piccolo paese.

All’incrocio con via Gramsci ci teniamo a destra e dopo 150 m giriamo a sinistra imboccando via C. Pavese che poco dopo diventa un vicolo e passando nel mezzo di un’antica corte ci porta nel centro cittadino e all’incrocio con via IV novembre.  Giriamo per forza a destra (la strada è a senso unico) ed arriviamo al piccola piazzetta dove proseguiamo ancora diritto per qualche cinquantina di metri e poi giriamo a sinistra su via L. Perosi ed arriviamo fino in fondo alla stradina. Davanti al piccolo parco giochi giriamo a destra e subito a sinistra aggirando il fabbricato di “Cascina Siserana“.

Raggiunta via Cremonina giriamo a destra e passiamo davanti a “Cascina Cremonina” dove la strada asfaltata termina ed inizia un tratto sterrato che raggiunge un primo bivio, dove proseguiamo diritto, mentre quando arriviamo al secondo giriamo a destra ed in salita, su un fondo non molto stabile per via della presenza di alcuni tratti sassosi risaliamo verso la piccola frazione di Visconta. Terminato il tratto sterrato arriviamo su via Visconta e giriamo a sinistra percorrendone un tratto in discesa per poi tenerci a destra ed imboccare la sterrata che risale e che ci porta nei pressi di “Cascina Casaretto“.

Siamo entrati nei territori del “Parco Agricolo della Valletta” e proseguiamo ancora diritto verso l’altra piccola frazione di Chiesuola. Ritrovata la strada asfaltata di via A. Gramsci arriviamo fino al bivio e poi giriamo a sinistra per arrivare nei “Cariggi” dove sfruttando i single trail e qualche tratturo risaliamo alla volta di Capriano. Quando ritroviamo la strada asfaltata siamo su via Monviso e giriamo a sinistra per girare poi a destra su via Monte Cervino. All’incrocio con via G. Parini giriamo a sinistra e arriviamo davanti alla Parrocchiale di Santo Stefano.

Giriamo a sinistra su via Dante e poi alla prima a sinistra su via G. Marconi ed attraversiamo via A. Volta per portarci su un’altra sterrata che ci porta nel mezzo dei campi da dove possiamo ammirare un paesaggio davvero stupendo della Brianza che spazia fino al lontano gruppo del Monte Rosa che in questa stagione è già ampiamente pieno di neve. Proseguendo in discesa, ripida, ci ritroviamo ad un bivio dove giriamo a sinistra e percorriamo l’ultimo tratto di sterrata fino all’incrocio con la SP155 dove procediamo a destra in direzione del nostro punto di partenza iniziale.

 

[gpsies fileId=yrjjhntsucfhmfie show=full]

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *